Nuovo Bando Meditech

Bandi Attivi

Hai bisogno del nostro aiuto?

Mettiti adesso in contatto con noi, ti risponderemo nel minor tempo possibile.

Il Centro di Competenza ad alta specializzazione MedITech ha istituito il nuovo Bando che presenta una dotazione finanziaria pari a 3 milioni di Euro che potrà essere successivamente incrementata con eventuali e ulteriori iniziative MedITech.

L’iniziativa mira a supportare progetti di innovazione, ricerca industriale e sviluppo sperimentale orientati alla sperimentazione, prototipazione e adozione di soluzioni tecnologiche e organizzative basate sulle tecnologie abilitanti di industria 4.0 e a favorire il loro consolidamento attraverso la realizzazione di applicazioni nei settori di proprio interesse, quali: Aerospace, Agrifood, Automotive, Civil constructions, Energy, ICT & Services, Pharma/Healthcare, Railways, Shipbuilding, Covid-19 & Beyond

Soggetti beneficiari

  • Micro, Piccole e Medie Imprese (MPMI), singolarmente ovvero in partenariato (impegnandosi, in quest’ultimo caso, a costituirsi in Associazioni Temporanee di Imprese – ATI);
  • Grandi Imprese solo se aggregate in partenariato a MPMI, non potendo, in ogni caso, assumere il ruolo di capofila.

Le Università e gli Organismi di Ricerca non possono essere beneficiari ma possono partecipare attraverso accordi di ricerca contrattuale con uno o più beneficiari.

Ogni proposta progettuale deve indicare almeno una delle predette linee tecnologiche prioritarie. Laddove la proposta interessi più di una linea tecnologica è prevista una premialità.

I progetti debbono avere un livello di maturità tecnologica (Technology Readiness Level o “TRL”), tra TRL 5 e 8, che comunque raggiunga al termine delle attività, un livello almeno pari a TRL 7.

Essi, inoltre, devono avere una durata pari a 12 mesi, fatta salva la richiesta di eventuali proroghe motivate, comunque non superiori a 3 mesi, che saranno valutate dal Centro MedITech.

Le proposte ammesse al finanziamento riceveranno un contributo fino al 50% dei costi sostenuti, documentati e ammessi, con un massimo di 200.000,00 €. Nel caso di aggregazioni, il contributo al soggetto capofila deve essere non inferiore al 30% del contributo complessivo.

Spese ammissibili

  1. Personale impiegato nelle attività di ricerca e sviluppo strettamente legate alla realizzazione del progetto;
  2. Strumenti e attrezzature correlate alla realizzazione del progetto, in misura pari alle quote di ammortamento per il periodo di effettivo utilizzo nel progetto;
  3. Collaborazioni per attività tecniche affidate a Organismi di Ricerca, Università o altri soggetti esterni all’impresa, indipendenti dalla stessa, in possesso di adeguate e documentate competenze ed esperienze professionali pertinenti alle consulenze commissionate;
  4. Beni immateriali, quali costi per l’acquisto di brevetti, know-how, diritti di licenza e software specialistici;
  5. Prestazioni e servizi necessari all’attività di ricerca e sviluppo e non direttamente imputabili alla realizzazione fisica di prototipi, tra cui test e prove, servizi propedeutici alla brevettazione, attività di divulgazione e diffusione dei risultati, nella misura massima del 5% del totale dei costi indicati nei punti a) + b) + c) + d);
  6. Spese generali supplementari di gestione, derivanti direttamente dalla realizzazione del progetto, da calcolarsi con modalità semplificata a tasso forfettario nella misura del 20% dei costi del personale;
  7. Altri costi di esercizio, inclusi i costi di materiali, forniture e prodotti analoghi, nel limite del 10% del costo totale di progetto.

Presentazione della domanda

La domanda di presentazione dei progetti deve essere inoltrata utilizzando l’apposita procedura resa disponibile all’indirizzo PICA del Cineca entro e non oltre le ore 14.00 del giorno 22/03/2022.

Criteri di valutazione della domanda

La graduatoria dei progetti ammissibili viene stilata sulla base del punteggio complessivo di valutazione sommato al punteggio di premialità assegnato a ciascuna proposta di progetto.

I contributi saranno assegnati ai beneficiari secondo l’ordine assunto in graduatoria, fino alla concorrenza della dotazione finanziaria messa a disposizione dal bando.